OCCORRONO TROPPE VITE PER FARNE UNA

DEDUZIONI ED ESEMPI

 

di Giuseppe Brescia

 

Quando leggo e rileggo la poesia che aiuta anche a vivere, la poesia di Montale, e vado in ciò rammentando quanti significati involge il verso delle “Occasioni” (e i significati son tali , diceva in generale Giordano Bruno nel “De umbris idearum”a proposito dell'arte della memoria, da conoscer solo aggiunzioni mai sottrazioni), spontanea viene anzitutto alla mente la “somma di energia mentale” impegnata dal Vico nella opera sua, come scrisse Croce il 1911 ( “La filosofia di Giambattista Vico”). Dal momento che il problema che il nostro “Altvater” aveva di fronte era di attestare l' ”eroismo della vita filosofica”, in un mare di difficoltà economiche e pratiche: sì che la “occorrenza” di molte vite, anche quando inanellate per via libresca, era da lui fermata nella splendida “Autobiografia” (“Vita di Giambattista Vico scritta da se medesimo”, del 1725- 1728 ).

All'inizio del metodo di “autodidascalo”, c'era stata la insoddisfazione per la scuola dei Gesuiti, là dove “nel secondo semestre si aveva a ripetere il già fatto nel primo”, avendolo il padre colà destinato dopo la lezione dei due maestri domestici che non riuscivano a secondare la “speditezza” del figlio, “dopo lunga convalescenza di ben tre anni”, a seguito del grave incidente occorsogli, precipitando all'età di sette anni dalle scale. Onde il Vico “uscì da quella scuola e, chiusosi in casa, da sé apprese dall'Alvarez ciò che rimaneva da' padri a insegnare nella scuola prima e in quella dell'umanità, e passò l'ottobre seguente a studiare la logica”.

Iniziava, così, un'opera di scavo continuo da una ad altra disciplina, dall'uno ad altro “auttore”, all'insegna di libertà tutta spiegata e dello scorrimento problematico, interno e fecondo, dei percorsi. Difatti: “Ebbe egli in sorte per maestro il padre Antonio Del Balzo giurista, filosofo nominale; ed avendo nelle scuole udito che un buon sommolista fosse valente filosofo e che 'l migliore che di sommole avesse scritto fosse Pietro Ispano, egli si diede fortemente a studiarlo. Indi, fatto accorto dal suo maestro che Paolo veneto era il più acuto di tutti i sommolisti, prese anche quello per profittarvi”.

E così, ancora, accadeva per le esperienze e letture alla Accademia degli Infuriati; la filosofia alla scuola di padre Giuseppe Ricci, e padre Suarez; le lezioni di don Felice Aquadies e il suo richiamo a Ermanno Vulteio, “che questi fosse il migliore di quanti mai scrissero sulle istituzioni civili”; la conoscenza in una libreria di Mons. Geronimo Rocca e la “lezione di Riccardo teologo sorbonico (che per fortuna si aveva seco portato dalla libreria di suo padre ), il quale con un metodo geometrico fa vedere la dottrina di Sant'Agostino posta in mezzo, come a due estremi, tra la calvinistica e la pelagiana”; e poi, lo studio di Virgilio e dei classici; quindi, “leggendo nell' 'Arte' di Orazio che la suppellettile più doviziosa della poesia ella si procura con la lezion de' morali filosofi”, il pronto risalire “con seriosa applicazione” alla “morale degli antichi greci, dandovi principio da quella di Aristotele”; e il “di nuovo portarsi alla metafisica, ma non soccorrendolo in ciò quella d'Aristotele, che aveva appresa da Suarez, né sapendone veder la cagione, guidato dalla sola fama che Platone era il principe de' divini filosofi, si condusse a studiarlo da essolui”; infine esplicando che “il salto, che egli aveva dapprima fatto dalla logica alla metafisica, fece che 'l Vico poco poi curasse la fisica d'Aristotele, d'Epicuro ed ultimamente di Renato Delle Carte, onde si ritrovò disposto a compiacersi della 'fisica timaica' seguita da Platone, la quale vuole il mondo fatto di numeri, e ad esser rattenuto di disprezzare la 'fisica stoica', che vuole il mondo costar di punti, tralle quali due non è nulla di vario in sostanza, come poi si applicò a stabilirla nel libro 'De antiquissima italorum sapientia'; e finalmente a non ricevere né per giuoco né con serietà le 'fisiche meccaniche' di Epicuro come di Renato, che sono entrambe di falsa posizione”.

Con il metodo degli approfondimenti e scorrimenti successivi, realmente procedeva la vita mentale del Vico, sorpassando la pur esplicita menzione dei “quattro autori” ( Platone, Tacito, Bacone e Ugo Grozio ) citati nella “Autobiografia”,in essi riassuntivamente inglobando tutte le precedenti transizioni, ancora Pufendorf e Sant'Agostino, a cui sarà dedicata ( come a proprio santo protettore )la chiusura della “Scienza Nuova”, o – sul versante atomistico – Epicuro e Lucrezio, Gassendi e Pierre Bayle, come – alle spalle di Platone – Pitagora e la italica filosofia prisca studiata dallo Schaeffer (cfr. in proposito il mio “L' Avvertimento del cielo. Storia sacra e storia profana in Vico alla luce della epistemologia del tempo”, in “Esercizi di Estetica. Da Orazio a Vico”, G. Laterza, Bari 1993, pp. 67-88, con interni plurimi richiami su dialettica, memoria e tempo ).

Veramente: “Occorrono troppe vite per farne una”.

Ma se la vita del Vico è la 'madre' di tutta la memoria autobiografica della modernità – donde deriva il didimèo “Contributo alla critica di me stesso”di Benedetto Croce, provvisorio compendio dal '15 al '52 di una sì complessa carriera mentale –, quali saranno poi il problema storico, l'urgenza etica, la “occorrenza” necessaria per richiamare di volta in volta a soccorso tutte le energie spirituali, che avvertiranno, nel circuito di pensiero e azione, i testimoni di libertà, della generazione che ci ha sin qui preceduto ? Quante e quali 'vite' spiritali, quanti 'mondi' che a lor volta – fatti i conti con il loro speciale problema – han dovuto essi ripercorrere, tenacemente riattualizzando il passato, sono stati invocati “a raccolta”, per rispondere imperativamente al momento del “bisogno”, che era poi la difficile tutela della libertà, da sempre in Italia “ecclesia pressa”? Ora, io direi che, in questo aspetto, il problema dei nostri “maestri”e delle “vite” profonde, originali e autentiche che gli stessi mettevano in campo, risiedesse nell'aver dovuto prima combattere i totalitarismi del XX secolo, i gemelli mostri quali fascismo, nazionalsocialismo e comunismo, e poi le incomprensioni o gli ostracismi ideologici del Sessantotto e dintorni, quando – per dirla con Eugenio Montale – i buoi erano scappati dalle stalle di Augìa e l'indecenza e l'onore si stringevano in un solo patto. Il primo 'essempio' che viene alla mente è quello di Vittorio Enzo Alfieri ( Pavia 1906 – Pejo 1997 ), allievo di Croce, perseguitato dal fascismo sino a perdere la cattedra, amico di Pilo Albertelli martire delle Fosse Ardeatine e di Ernesta Bittanti Battisti militante a favore di Israele: pensatore che si trovò successivamente a combattere – in nome della pura e dura “religione della libertà”- per la difesa della libertà nella scuola, contro ogni demagogia e prevaricazione ideologica: così chiamando in causa – ecco il punto – la sapienza dei secoli, da “Lucrezio”( nel 1929 ) a “Autorità e libertà nelle moderne teorie della politica”(1947 ), da “Atomos Idea” ( 1953 ) al “Problema Pascal” ( 1960 ), con “La estetica dall'Illuminismo al Romanticismo” (1955) e la versione di “Linguaggio e mito” di Cassirer (1960), sino ai vasti profili di “Filosofia e filologia” ( 1967), “Pedagogia crociana” (1967) e alla duplice serie di “Maestri e testimoni di libertà” e “Nel nobile castello” ( 1976-1986 ).

A Pilo Albertelli è anche dedicato 'Nel nobile castello': e nel suo nome viene a concentrarsi tutta la significazione etica e la trasmissione teoretica, di cui si fa carico la religione della libertà, “l'affratellarsi e stringersi la mano dei testimoni spiriti magni scelti o incontrati da Alfieri, onde i richiami non solo letterari ma storici e tematici tra un autore e l'altro, un filosofo e un poeta, un filologo e un politico sono tessuti su fitta trama di ripresa ideale e solidale continuazione”( cfr. il mio “La compagine della libertà nella testimonianza di Vittorio Enzo Alfieri”, in “Sant'Agostino e l'ermeneutica del tempo. Analisi e trasposizioni”, Spes, Milazzo 1988, pp. 141-145 ).

Il secondo grande e originale “autore” che ci soccorre, nei modi coniativi propri della di lui “vita”, ma di fronte alla stessa problematica etica e storica, è Rosario Assunto ( Caltanissetta 1915 – Roma 1994 ), il “piccolo uomo di grande coraggio” ( Franco Cardini, sul “Giornale” dell' 8 gennaio 1998, a proposito della mia antologia “Il sentimento e il tempo”), fin da ragazzo amico di Bassani e Montale, avversario del positivismo, insito nel nazismo, di ogni totalitarismo come poi dello scientismo tipico delle cosiddette “scienze umane”, sua immedicabile “bestia nera ”.

Questa “presa” speculativa, che si traduceva in “testimonianza” e impegno civile, affondava radici nella lezione di Pantaleo Carabellese e Carlo Antoni; si svolgeva nella interpretazione di Kant e delle filosofie idealistiche del romanticismo ( “Scritti precritici”, 1953, e la “Estetica dell'identità”, 1962); tornava a testi kantiani (“Prolegomeni ad ogni futura metafisica che si presenterà come scienza” nel 1979 e “Fondazione della metafisica dei costumi”del 1980); si misurava con la modernità in “Forma e destino” e la “Integrazione estetica”( ai tempi delle Edizioni di Comunità di Adriano Olivetti, 1957 e 1959 ), i “Teoremi e problemi dell'estetica contemporanea” (1960), i problemi posti da “Giudizio estetico critica e censura” (1963) e la battaglia di civiltà, che era la difesa del paesaggio all'interno della “Scienza Nuova” dello stesso, strutturata nei due compositi volumi “Il paesaggio e l'estetica”. I. “Natura e storia”. II. “Arte critica e filosofia”(1973 ), giù giù sino a “Specchio vivente del mondo. Artisti stranieri a Roma 1600-1800” ( 1978), “Infinita contemplazione. Gusto e filosofia dell' Europa barocca” (1979 ), “Filosofia del giardino e filosofia nel giardino” (1980), “La città di Anfione e la città di Prometeo. Idea e poetiche della città” ( 1984 ) ed ancora “Il parterre e i ghiacciai” (1984).

Pure, per fare tutto ciò, 'Saro' Assunto aveva dovuto misurarsi con il balzacchiano “spirito dei salotti” e il pernicioso ircocervo di verniciatura tecnologica e ideologia imperante, chiamando in soccorso la poesia di Dante ( “Ipotesi e postille sull'estetica medioevale. Con alcuni rilievi su Dante teorizzatore della poesia”, 1975 ), la estetica medioevale ( “La critica d'arte nel pensiero medioevale”, 1961; “Die Theorie des Schoenen im Mittelalter”, 1963 e 1981 ), la denuncia del male e la “Presenza di Dostoevskj” ( “L'Italia che scrive” del 1945; “Intervengono i personaggi. Col permesso degli autori”, 1977 ), la “parola dell'anima”o “Wort der Seele” che portava da Herder a Rainer Maria Rilke a Heidegger ( “La parola anteriore come parola ulteriore”, del 1984 ), “Parola e Coscienza” ( “Sprache und Bewusstein” dell'amico fraterno Bruno Liebrucks ) sulla linea Vico – Kant- Schelling – Croce, la grande stagione antiutopica e antitecnologica di Butler, Huxley, Orwell e Capek, il coniatore del termine “R.O.B.O.T.”, sempre al centro della conversazione testimoniale e inclusiva; e soprattutto la vasta e complessa “sinfonia del tempo”, a culminare in Proust e Bergson, Lavelle e Whitehead e ad inglobare in circuiti spiralici sempre nuovi e sempre ritornanti la storia ideale eterna del tempo di cui egli stesso era – per così dire – vitale reincarnazione parlante ( Platone e Aristotele, Plotino e Agostino, Leibniz e Kant, Carabellese e Dilthey, in un' opera di “infinitiplicazione”che, con termine leibniziano, indicava la immagine dell'eternità che si modella “come vicenda ciclica e perenne ritorno di nascita e morte , fioritura e sfioritura, vitalità della natura tuttoavvivante e riposo nel grembo materno”, simbolizzato in eterno dalla lirica di Hoelderlin “A una rosa” del 1793: “Eternamente porta nel suo grembo materno, / o dolce regina del campo ! /te e me la silente e grande e tuttoavvivante natura” ).

Veramente: “Occorrono troppe vite per farne una” ( cfr. sull'Assunto, i miei “Non fu sì forte il padre”. Letture e interpreti di Croce, del 1978; “Questioni dello storicismo”, specie al secondo volume “Il tempo e le forme”, 1980-1981; “La presa dell'idealismo e la esponenzialità del tempo nel pensiero di Rosario Assunto” in ”Sant'Agostino e l'ermeneutica del tempo”, cit., pp. 121-140; oltre alle dediche de”Il sentimento e il tempo”, “Il circolo cromatico di Goethe”nel 2005, “La profezia e le ipotesi” del 2007, “Evocazioni ferraresi e memorie storiche” per il 2009, “Del vitale” nel 2011 per finire – ora – con i coevi “Il vivente originario” ed “I conti con il male” ).

Anche il suo amico “dioscuro” Raffaello Franchini ( Napoli 1920 – 1990 ), ferito in guerra a Scutari in Albania da una pallottola che “divise in due la sua vita” ( come il filosofo “militante” confida in “Autobiografia minima” del 1973 ), si era doverosamente occupato via via della idea e storia della dialettica, della dottrina del progresso, di esistenzialismo ed ermeneutica ( “Interpretazioni da Bruno a Jaspers”, nel '75 ), di filosofia dei valori e gnoseologia (tra Herbart e Hartmann, storicismo e “mondo della vita”, tra il vitale di Croce e le tante pulsioni esegetiche che la modernità vi avesse fatto confluire, come ad es. in Enzo Paci o Carlo Antoni ). Poi aveva dovuto combattere contro la dottrina – talvolta “à la page” - della “dialettica negativa” sostenuta da Sartre o dalla scuola di Francoforte (ispiratrice a sua volta della pedagogia marcusiana sessantottesca); mai pensando di dover replicare, al contempo, anche alla visione diadica della dialettica ( con espunzione della “Aufhebung” o della “sintesi” e della “coincidentia oppositorum”, che si voglia ), avvalorata dall' amico Alfredo Parente ( Cfr. “Sulla dialettica” a commento ed inoltramento delle “Variazioni” di Eugenio Montale sul tema, partendo dalla discussione svolta dai filosofi amici sulla “Rivista di studi crociani” del 1969, 1970 e 1971 ). Qui tralasciando l'ermeneutica accoglienza di entrambe le dottrine nella visione della “dialettica delle passioni” e dei “modi categoriali” spirituali, gioverà riconoscere quante e quali esperienze intellettuali e morali, quanto parlanti sollecitazioni di pensatore, che “appartiene alla razza Orwell”, egli stesso abbia saputo raccogliere, tesorizzare e tramandare fino a noi.

Sollecitazioni e rielaborazioni relative, affidate soprattutto alla critica del “sofisma”, visto non come mero “errore” di natura pratica ma – piuttosto- come errore e male “coscientemente voluto”, in ciò demistificando lo scambio di segnali, l' Anticristo che è in noi, il disvalore che si tramuta in valore, la menzogna abitudinariamente praticata dal totalitarismo (cfr. “Il dissenso liberale”, Firenze1975; “Il sofisma e la libertà”, Napoli 1973). Il vertice dei vertici, dove il pensiero si rendeva traslucido ma sulla base di una intensa passionalità morale, era conquistato nella originale “Teoria della previsione” (1964 – 1972), che, riprendendo il “colpo d'occhio” della crociana “Filosofia della pratica” ( l' “arciere prudente”, aveva già saputo definire Niccolò Machiavelli ), sceverava la teoria del giudizio prospettico rispetto a probabilità, scommessa, caso; oracoli, filosofie della storia e profezia; soprattutto ( per noi ), statistica legislazione medicina, considerate non soltanto come le “scienze camerali” della modernità ma proprio per quel che impegnano e involgono di sofferenza, prove vissute, vite sospese ( cadendo qui le pagine per dir così “bruniane” di poesia filosofica, magnificazione dell'animo e dell'intelletto, segnatamente a proposito del carattere drammatico e previsionale-prospettico della malattia, lasciateci da Franchini ).

“Occorrono troppe vite per farne – una”. E compagno di banco del filosofo Franchini fu l'andriese Cinzio Violante ( 1921-2001), a Catania nel 1945 dopo il servizio militare e la dura prigionia, dove conobbe lo storico dell'arte Stefano Bòttari, il grecista Anthos Ardizzoni, lo scrittore Vitaliano Brancati, lo storico Nino Valeri, il filosofo del diritto Vittorio Frosini, Pippo Giarrizzo e Saro Romeo, quest'ultimo in quel mentre a sua volta influenzato dal pensiero di Wilhelm Roepke. Laureando a Catania, con Santo Mazzarino, il latinista Vincenzo Marmorale, il filosofo Giovanni Bianca, lo storico del diritto e archivista Matteo Gaudioso, il giovane Cinzio, che ne aveva già viste di tutti i colori, e aveva il solo torto di essere cattolico per fede e liberale d'intelligenza, fu dal Bòttari introdotto all'Istituto Croce, con la influenza di Giovanni Pugliese Carratelli; e di Federico Chabod, le cui lezioni vertevano sul “Sommario di Istorica” di Gustav Droysen ( nella traduzione che Cantimori ne aveva fatto con i giovani normalisti, allargando di molto alla politica estera italiana il dilemma continuità/ cesura, dilemma trasferito in origine dall'antichità al Medioevo ); poi ancora di Marc Bloch e di Lucien Febvre; ancora, di Antonino Bruno e dell' ultimo Croce a proposito del concetto di “vitalità”, non senza l'esempio fornito dalle animate discussioni di Alfredo Parente, su Vico precursore di Croce. Oh, ricordava Cinzio, quanto fosse stato “contento (Croce) per aver resistito a 'don' Luigi Russo, il quale insisteva, con motivazioni extrascientifiche, perché non mi ammettese all'Istituto” !(Cfr. “Una giovinezza espropriata”, ETS, Pisa 1998, p. 91 e “La scuola di Croce”, a cura di Elsa romeo, Bologna 1992). Quello stesso Luigi Russo che variava alterni giudizi su Croce, come se il maestro – a suo dire - “non avesse mai difeso realmente gli Ebrei”, mentre sul punto scriveva apprezzamenti ben peggiori e gravemente limitativi nella lettera del 2 agosto 1947: “Ho trovato molto giusto quello che voi avete detto della antigiuridicità dei tribunali come quello di Norimberga; a Cracovia mi sono trovato a dover redarguire l'ebreo Volterra, il rettore di Bologna, che dopo la visita ai terribili campi di Auschwitz e di Birkenau, voleva la perpetuazione di quei campi come musei e come ricordo esortativo di vendetta” (Luigi Russo -Benedetto Croce, “Carteggio 1912-1948”, vol. II, Edizioni della Normale, Pisa 2007, pp. 694-695). Lo stesso Russo , che lo avvertiva della circostanza essersi dimesso il Violante dalla Normale perché “tubercolotico” ( lettera del 19 dicembre 1947, “Carteggio”, cit., II, pp. 710-711 ), e al quale Croce onestamente rispondeva: “ Il Violante, del quale mi era nota la malattia sofferta e l'interruzione degli studi, mi fu raccomandato concordemente dai professori Picotti e Valeri; e io lessi personalmente la sua tesi e vi scorsi capacità d'ingegno storico in una materia difficile qual' è la storia medievale” ( Croce a Russo, 21 dicembre 1947, in “Carteggio”, cit., II, pp. 713-714 ).

Né spengo, ora, la vivida luce di verità, squarciata nell'esistenza così autenticamente sofferta del caro Cinzio, prima d'aver ricollocato nella giusta prospettiva la lezione di altri suoi amici e maestri ideali, in evidente affinità spirituale, da Ottorino Bertolini ad Alfons Dopsch e soprattutto Henri Pirenne, lo storico belga che avvertì profondo sgomento a causa dell'invasione tedesca della sua Gand durante il primo conflitto mondiale. Lo spunto – a rivisitar degnamente questa testimonianza- gli era venuto sempre dalle lezioni di Federico Chabod nell'anno inaugurale 1947-48 dell'Istituto Croce, “sul dibattito storiografico circa la 'continuità' o la 'cesura' tra mondo antico e medioevo, da Boulainvilliers e da Dubos a Fustel de Coulamges, a Dopsch e a Pirenne”. Violante vuole studiarlo a fondo vuoi sul piano personale, nei “Diari” e per il decennio 1914-1923, vuoi per il “Maometto e Carlomagno” e la “Histoire de l'Europe”, opera fondamentale in cui “ egli proponeva la famosa tesi sulla 'cesura' tra mondo antico e medioevale determinata dall'invasione islamica”. Ma Violante vede anche la produzione storiografica del Pirenne come la proiezione del “suo” personale problema, nel libro che è forse il suo proprio capolavoro storiografico, dopo l'entusiastica ricerca giovanile su “La società milanese nell'età precomunale” ( Napoli 1953; Bari 1981, 2^ ed.).

Si tratta di un libro che ha molte facce sin nel titolo principale “Uno storico europeo tra guerra e dopoguerra, Henri Pirenne (1914-1923)”, titolo che già dice molto del 'problema' e dell'arco prospettico pirenniano; ma che poi beneficia di un sottotitolo “Per una rilettura della Histoire de l'Europe”, e di un sopratitolo “La fine della 'grande illusione' “ ( ma quale dei due è il 'vero' sottotitolo o sopratitolo ? ), libro edito dal Mulino di Bologna per l'Istituto storico italo-germanico di Trento nel 1998, dedicatomi significativamente ( “A Peppino Brescia, con fedele amicizia. Cinzio”). Così, nella ricostruzione pirenniana Violante vede i prolegomeni della denuncia dell'autoritarismo e del nazionalismo insiti nella intellettualità germanica prima dell'avvento del nazismo. “Mi colpì allora l'analogia delle vicende e delle condizioni morali del medioevista Pirenne in guerra ( 'si licet magna componere parvis') con le esperienze dell'internamento militare in Germania che avevo subite durante il secondo conflitto mondiale come giovane ufficiale, appena avviato allo studio del medioevo. Mi rendevo conto che, nel fervore dello sforzo di recuperare negli studi strettamente scientifici il tempo perduto, avevo relegato nel fondo del subconscio quella devastante esperienza che troppo violentemente aveva urtato il mio giovanile amore per la Germania e per la cultura tedesca, istillatomi nella Scuola Normale Superiore di Pisa da professori come Giorgio Pasquali e Delio Cantimori. Tentai di capire gli anni 1914-1923 attraverso le vicende, gli scritti, le reazioni di Henri Pirenne ma poi – sempre più – anche con lo studio del mondo dei professori tedeschi contro cui egli reagiva. A quest'ultimo scopo cercai di capire, oltre le contingenze degli atteggiamenti tenuti durante il conflitto, la tradizione scientifica dei professori tedeschi e le origini remote della loro cultura: volevo capire come mai fosse potuto accadere tutto quello che la guerra aveva rivelato”.

E' così che la “vita” di Henri Pirenne entra nella “vita” di Cinzio Violante, assieme a quelle di tutti gli altri amici e compagni “devoti di Clio”, e di Croce e Thomas Mann, pure andando per certi aspetti oltre Croce e Thomas Mann, “La Germania che abbiamo amata” per il primo, “Doktor Faustus” e “Nostro Fratello Hitler”, la musica e il tempo in “Zauberberg”e la “Nobiltà dello spirito” per il secondo. “Ed ora – conclude la duplice sua “Prefazione” - “Introduzione” il nostro Cinzio – la ricostituzione di una organizzazione mondiale per gli studi storici, faticosamente decisa 'in extremis' al congresso di Bruxelles, era destinata a fiorire in comunità di spirito solo per una breve stagione, al Congresso di Oslo (1928), prima che l'avvento del nazismo ponesse in crisi anche questa illusione” ( pp. 11-19 ).

E veramente, tragicamente ma anche nella 'catarsi' storiografica di tipo goethiano, talvolta: “Occorrono troppe vite per farne – una”.

Se ogni vera storia è sempre autobiografia, e il rapporto di autobiografia e verità si dichiara nel 'genere' autobiografico ( “Vita scritta da se medesimo” del Vico; “Contributo alla critica di me stesso” del Croce; “Autobiografia minima” di Franchini e “Una giovinezza espropriata” di Violante), e più spesso si scioglie in narratologia intrinseca, testimoniale in senso etico-politico ( per Vittorio Enzo Alfieri ), o memoriale nella assidua ermeneutica del tempo, del paesaggio e dei personaggi ( come accade per il peculiare stile “sinfonico” di tipo proustiano, nella pagina di Assunto ); e se tutto ciò, ora, forma il corrispettivo di quanto in psicologia prende nome dal “Raccontarsi” ( Duccio Demetrio; terapia clinica; analitica esistenziale da Jung a Jaspers, o da Minkowskj a Biswanger ); - ebbene nel particolare riguardo esegetico della poesia montaliana, considerata “punto di vista per la filosofia”, conviene tornare alla parabola vitale dell'amico Carlo Emilio Gadda (1893-1973 ), sempre avendo l'occhio alla straordinaria complessità delle esperienze.

Il letterato ingegnere, gran lombardo a gran poligrafo, reagisce al clima generale del totalitarismo, involgendo nel suo stile e nella propria erudizione una mole enorme di conoscenze, oltre la cerchia degli amici delle fiorentine “Giubbe rosse”, oltre le competenze tecniche, oltre le ascendenze primarie. Foscolo e Manzoni non solo; Parini e la tradizione lombarda; bensì Vico e Nicolini e Croce ( per tacer d'altri ) entrano nel suo orizzonte di interessi, di speculazione, di polemica civile. Quando esce la edizione laterziana della “Scienza Nuova”, industre fatica di Fausto Nicolini nella Collana degli “Scrittori d'Italia”, Gadda coscienziosamente e con dovizie di citazioni ( qual è il suo costume quando prende di petto un problema o un autore ) scende in campo per difendere il lavoro ecdotico dello storico napoletano da talune critiche ingenerose, miopi, mistificanti di letteratucoli del regime.

Intanto Gadda ricorda i tre volumi 1911, 1913 e 1916 della stessa “gloriosa opera” editi nei “Classici della filosofia moderna”. “Sarebbe superfluo il ridir qui ciò che è esposto nella nota stessa, e ciò che conosciamo attraverso la 'Bibliografia Vichiana' del Croce, citata anche ne' manuali come il lavoro base sull'argomento”. Dà conto del 'gran commento': “Il testo è accompagnato a piè di pagina da un commento a cura del Dottor Fausto Nicolini, ove, per ripetere le parole di lui, 'si verificano, integrano e correggono tutte le citazioni vichiane, si illustrano le numerose allusioni storiche e si rettificano i non pochi errori di fatto'. (..) Passeremo poi a differenziare, cioè a identificare la 1928 rispetto alla 1911-16. Volendosi riprodurre l'edizione muziana del 1744 ( 'Scienza Nuova' terza ), nasceva subito il problema se la riproduzione del testo dovesse risultare 'diplomatica' o 'critica'; se cioè dovesse rispettare esattamente la forma tipografica dell'originale tipografico millesettecentoquarantaquattresco o ravvivarla invece ne' tipi, nella grafia, e nella interpunzione moderni”. Gadda ha visto, per ciò, e descrive, lo splendido esemplare custodito nella milanese biblioteca della Braidense; osservando che: “Mentre però la parola 'libro' figura effettivamente stampata, (p. e. Del ricorso delle cose umane nel risurgere che fanno le nazioni – Libro Quinto ), le parole 'sezione' e 'capitolo' non figurano mai, ma sono aggiunte nostre mentali, desunte dal diverso carattere di stampa, che subordina i capitoli alle sezioni”. Conclude per questa parte: “Come facilmente si desume, una riproduzione diplomatica di tutta questa faccenda non avrebbe, forse, fatto comodo, che a qualche bibliofilo innamorato”, accettando i criteri editoriali esposti e seguiti dal Nicolini ( a – Riduzione delle varie fogge di carattere a un carattere unico, con ragionevoli citazioni in corsivo; b- Ammodernamento della grafia ne' casi non interessanti la fonetica; c- Rifacimento totale della punteggiatura ). Commentando il qual lavoro, Gadda concede una prima perla ermeneutica, del paradigma che noi diciamo incorniciato da 'La provincia e l'Umanità'. “Ogni lavoro del genere non può farsi se non da chi abita in luogo: ed è un altro aspetto delle fatiche editoriali: aspetto che ci augureremmo di veder meglio come dire ? manifesto nell'erudizione: dove talora chi vive da studioso in una città trascura affatto la miniera locale”.

Non trascurare, dunque, “la miniera locale”. In due parole Gadda dice tutto ( es: per il giovane Croce, la “miniera locale” è Trani, la “Rassegna Pugliese” e le prime edizioni – con varianti – delle opere del filosofo stampate dal Vecchi; per Giorgio Bassani e Gianfranco Rossi, la miniera di miniere locali è Ferrara, e via ).

“Vogliam comunque concludere che, anche da questo punto di vista, l'edizione laterziana del 1911-13-16 segna un momento notevole nella storia delle edizioni del Vico”. Ora ( 1928 ), il testo è stato “ricollazionato parola per parola non solo sull'edizione del 1744, ma anche sull'autografo” dai proff. Alfredo Parente e Nicola Nicolini, riporta sempre Gadda. “Nuove cure sono state date alla punteggiatura”. “Così l'insieme della stampa riesce a rispettar le intenzioni più ragionevoli dell'autore e perviene a un tempo a raggiunger quel tono di moderna eleganza e di necessaria chiarezza, che il lettore di oggi domanda a un libro di oggi” (..) “Ci sembra di poter affermare che la veste e i criteri adottati dagli editori rispondano largamente alle esigenze del pubblico degli studiosi e a quel bisogno di serietà critica che, non ostante qualche accenno a nostro parere stonato apparso recentemente in uno de' maggiori quotidiani d'Italia, è una nota caratteristica della cultura moderna”. Soddisfatta con scrupolo filologico la parte propriamente recensiva, il Gadda ci lascia una seconda perla ermeneutica. “Caso mai, ci sia concesso dir questo, non sono le opere a sfondo filosofico, com'è la 'Scienza' del Vico, non son esse a dover prime subire la sorte dilettantistica che si vorrebbe infligger da taluni ai testi letterari, sia pure al fine lodevole di meglio diffonderli. Dacché là ove in un'opera è più consegnato di pensiero, interessa enormemente, non soltanto dal lato dell'erudizione storica, ma anche da quello ben più importante della esegesi e della valutazione di questo pensiero, il seguirne via via la formazione, l'assestamento, lo svolgimento, magari la crisi, per tutto quel periodo delicatissimo che va dall'abbozzo primo dell'opera alla ...morte del responsabile”.

Dunque: le “origini” del pensiero di un Autore; il mondo del “va e del vieni”; il “periodo delicatissimo” di abbozzo e formazione; cifre del “vivente originario” o del “segreto interiore dell'essere” ( cfr. la ampia 'recensio' gaddiana in “La Fiera Letteraria” del marzo 1929, poi nei “Saggi Giornale e Favole”, cit., Milano 1991, I, pp. 691-697).

Filologico rigore, da una parte; e “ballo dei filosofi”, dall'altra. Anche il Gadda del “Castello di Udine” ( p. 268 dell'edizione Garzanti ), dell' “Adalgisa” ( “Concerto dei filosofi”, alla p. 451 ), degli “Scritti dispersi”( per le “Storie e leggende napoletane” del Croce, sempre nella Edizione Garzanti delle “Opere”, p. 755 ) e in vari luoghi de “I viaggi e la morte”, nei “Saggi Giornali e Favole”( più volte riscontrati, ma qui in 573 e 597, a proposito della poetica ariostea della “armonia”, o del parallelo a prima vista inedito tra Croce e Freud – Freud e Croce: “sissignori, sissignori”, discorrendo nel 1945 di Stefan Zweig “Il mondo di ieri”, e dando al Montale una splendida traccia per le celebrazioni crociane tra il 1951 e il '52 ); ebbene il Gadda stesso, gran perlustratore di orizzonti intellettuali, si rifà sovente al Croce, dandogli atto – alla fine – di cogliere nel segno, per la serio-giocosa caratterizzazione “Croce diceva di me: ha la mano pesante. Aveva ragione”( cfr. “Fiamme di Gadda”. Film di immagini e interviste dedicatogli da Mario Sesti; e Malcom Pagani, “Gadda scrittore in fiamme. A 40 anni dalla morte un documentario con immagini celebra l'uomo del Pasticciaccio”, nel “Fatto Quotidiano”, venerdì 8 febbraio 2013, p. 14 ).

La “mano pesante” sarebbe, cioè, nello stile particolare di Gadda: stile su cui si sono, giustamente o meno, spesi fiumi d'inchiostro e che noi vorremmo per un attimo comparare allo sperimentalismo del comune “maestro” James Joyce. Se non fosse per precisare che lo sperimentalismo dello scrittore europeo - irlandese James Joyce appare di tipo “geometrico”, visti gli archetipi e modelli che vi restan sottesi ( “Corsi e ricorsi” storici; età del mondo; “ricominciamento”; archetipo della quaternità per le quattro età dell'uomo, i quattro evangelisti al Book of Kells, i quattro quartieri di Dublino e paesi dell'Irlanda; alla fine le quattro forme dello spirito umano ); laddove lo sperimentalismo rivoluzionario gaddiano è “spiralico”, s'innalza più in alto, dopo aver descritto le prime serie di volute immaginative e parlanti ( Quell'altro di Proust, a volerla dire tutta, è invece “sinfonico”, per i motivi di orchestrazione memoriale che nel nostro studio abbiamo sopra visitato ).

E questo sperimentalismo è reso magnifico di fronte alla tristezza dell'ora: dalle piccole gelosie e rivalità letterarie al fascismo, parodiato brillantemente in “Eros e Priapo”. Ancor qui, la “ingens sylva” culturale, la dovizie di echi e voci, la impronta bruniana e vichiana, servono a far più robusta “una” vita, esperta quant' altre mai della “sapienza dei secoli”, in modi personalissimi e diversi rispetto a quelli di storici e filosofi, comunque liberali ed avversi a conformismi da 'idées reçus' .

Per dare almeno qualche esempio dello stile di Gadda, esso non si limita a elogiare la poesia dell'amico “Arsenius”, Montale; ma si spinge sempre più su. Sì che in “Poesia di Montale”: “Il dolore implicito in ogni cosa finita gli dà insieme il presagio e il desiderio della liberazione: ogni vincolo si allenterà, vanirà; disparirà ogni limite. Ed ecco, nel mondo de' simboli, il Mediterraneo ribolle incomposto e pur attua una legge: che è la legge compòsita ed armoniosa della infinità, della totalità. Ecco le fiumane divallano torbide al mare e vi recano i detriti oscuri della vita, le ramure e lo strame, i frantumi vani d'ogni cosa limitata. Il finito si dissolve. Esiste, immobile, il tutto. L'attimo iridato di dolore sfocia spinozianamente nell' Uno universo. E lo sguardo che il Montale getta sopra le cose assimila a sua volta lo sguardo dello Spinoza: il suo animo, immobilmente intento, ci ricorda l'animo spinoziano e per analogie il noto passo del Trattato Politico: '...humanas actiones non ridere, non lugere, neque detestari, sed intelligere'. Ma allora il suo 'cupio dissolvi' è ricondotto a una fissità tragica, il rombo del mare disparisce in un' afa stagnante, di che danno immagine le cose riarse nella calura del meriggio, il vacillar dell' ore bige, il filo della bonaccia. E da quest'afa, nuovamente, erompe l'anelito della liberazione”. E così via, di crescendo in crescendo, nel 1932. Epperò, commentando “Delta”, non pago, Gadda aggiunge: “Ecco il 'delta', cioè la foce a cui perviene il Bisagno infebbrato e, con la torba fiumara di quello, anche ogni nostro sentire. Il fischio di arrivo del battello dà segno della raggiunta meta, fuori dalle nebbie ritardatrici. E' probabile che il primo attor giovane dirà: 'che cosa c'entra il fischio del rimorchiatore con la ragazza che speravo di trovar qui al cantone, sotto l'arco del ponte !'. E pazienza. Che cosa c'entra il Bisagno, che cosa c'entra il Polcèvera !”( ora in “Saggi Giornali e Favole”, cit., I, pp. 765-771).

Ancora ( qui chiudo la esemplificazione essenziale ) nelle “Lettere a Gadda Conti ( Firenze, 3 aprile 1948 ), lo stile gaddiano si scatena. “Intanto avevo avuto modo di copiosamente deporre il magro e tiglioso mio preferito ( non dirò bòffice, dacché bòffice un gli è ) su una delle più elette cadréghe peoderobertisiane al quarto platano d' i' ccaffé Roma: elette, cioè le più vicine al Sommo Sacerdote Ideale, che per la circostanza si sdoppia in due poli antagonisti, il Creatore ( Pea ) e il Critico ( Don Peppino ). Confabulando senza capo né coda, ebbi la chance di frequentare l'angelico Angioletti, di dirgli le mie pene e la mia miseria; davvero ero giunto sull'orlo dell'abisso, senza più di un soldo, senza più speranze di un 'impiego'. Egli partecipò alla mia angoscia fino al punto da adoperarsi fraternamente per me, e dal presentarmi alla R.A.I. ( Radio Italiana ). Quanto a 'Letteratura' ( Cocteau nel memorabile disegno ) il numero proustiano e postremo , gravido a sua volta delle tue attese note sulle varianti, è alla fine del nono mese di sua vita intrauterina nella pancia della Viala delle Mille : ( la lingua di Tom Landolfi non licenzia ormai che sost. femm. ). Si attende a giorni il lieto evento: e la Bonsanta mammana ne trae cagione per un revival di rosicchiature d'unghie, fregatine di mani, strizzatine di mascelle, e incretinimento totalitario dello sguardo totalmente effacé, e ardentemente verso l'interno plongé, nella lubido rodiunghiativa 'che ne dici che ne dici'. La Pietra ( per Pietro, per Piero S. ultimo figurino landolfiano ) è a Parigi con il signor Conte Cesaroni Venanzi Dragomanni Maggi Sansovino e col figlio di Questo ( fuge credere che la designazione sia concomitata da manugesto autoindicativo di tipo seceleano ). La Mosca ( ma bisognerebbe dire allora il Moscone ) è pure a Parigi: ed Eusebio a Londra, Oxford, Cambridge, Edimburgo. Mi ha cartolinato da Oxford”.

Con siffatta “mano pesante” si diverte Gadda, alludendo ai parti della fiorentina rivista “Letteratura”e ai letterati Enrico Pea, Giuseppe De Robertis,Giovan Battista Angioletti, Tommaso Landolfi, Alessandro Bonsanti, Elio Vittorini, Mosca e Eugenio Montale, “Moscone”. Per ciò, ritengo l'influsso joyciano, non solo presente ma diversificato, in Gadda. Se Joyce è un “filosofo, travestito da letterato, che si diverte”( cfr “Dante...Bruno..Vico.. Joyce” nei “Disiecta” beckettiani; e i miei “Joyce dopo Joyce”, Napoli 2005; “Tra Vico e Joyce”, Bari 2007; “Eliot e Joyce. Quattro quartetti – Quattro momenti”, Bari 2006); Gadda, suo émulo, è piuttosto un “letterato, travestito da filosofo, che si diverte” ( vedi le sue aggiunte spinoziane a proposito della poetica di Montale, o viciane, manniane, crociane ad altro proposito).

Ma si tratta di un comico-tragico “divertissement”, là dove esce ed entra per un sistema di porte scorrevoli la storia dell' Umanità. Anche qui poche tracce essenziali. Nel “Primo libro delle favole”, al n. 40: “Egnazio ha denti d'avorio e sempiternamente sorride. Come dentifricio usa la pipì. Di ciò fa fede il poeta Catullo”. E la più feroce n. 80, quanto attuale in stagione di “sorbonastri”che però l'hanno voluta estendere ad una “collectio” di volumi ed opere non solo “di” essi loro, ma “su” di loro ! “Un vecchio pappagallo, sentendo sé prossimo alla fine, volle registrare sul disco le frasi che tuttodì andava ripetendo ai passanti. Nacquero così le opere complete del pappagallo” ( sempre nei “Saggi Giornali e Favole”, vol. II, ed. cit., pp. 11-61 ). Da valere ancor di più nell'era delle “condivisioni” e “cinguettii” sui “social network” ( il “Benvenuti nell'universale banchetto delle scempiaggini”, irrenunciabili tuttavia nel gran bosco e sottobosco di docenti e ricercatori, imbrattatele e navigatori, verseggiatori e 'minimi' pensatori di tutti i tempi ! Untorelli che dell'indispensabile profilo di opere complete si fan belli !)

Il tragico, tuttavia, giace sulla scena, dal “Giornale di Guerra e di prigionia” ( 1915-1919), dedicato proprio “a Bonaventura Tecchi / ricordando la sua fermezza nei giorni difficili”, tutto all'opposto del giudizio a volte limitativo di Montale, che abbiam notato nel Carteggio;fino al capolavoro parodico di “Eros e Priapo” (1950). “Tutto ciò è turpe Eros, non Logos: è corsa precipite verso una preda di polli e di lunaneghini, appesi in fondo al palo sul mare, al molo come alla sagra del Forte dei Marmi, con capitombolo a panciarotta sul mare. Così nella tragica sagra nostra non si verifica un meditato e premeditato guardare alle fortune fraterne che si richiede a chi opera in sommo della 'gerarchia': sguardo che, negli spiriti più alti, è sempre commisto d'una certa generosa tristezza, direi d'una materna e carezzante malinconia, come il presciente sguardo delle Madonne verso la Croce futura. E il futuro non è fatto di imparaticci istrombazzati a vanvera o di appagate libidini, ma è una laboriosa, dolorosa creazione del nostro spirito che si macera e si sublima nelle buone opere” ( cfr. “Eros e Priapo”, in “Saggi Giornali e Favole”, ed. cit., II, p.247 del Capitolo II ).

Echi splendidi goethiani e crociani, dell'ultimo Croce a proposito di “individuo” e “opera”, vitalità e dialettica, “ottimismo e pessimismo”, in definitiva dei nuovi modi d'essere del “tragico”, accendono la pagina gaddiana: corroborando la critica della rettorica, la satira feroce della esteriore e posticcia magniloquenza tipica del regime e della psicosi narcisistica del duce.

Però, anche Gadda riprende e anticipa – secondo me- spunti del pensiero gnomico montaliano, a fronte (nel Capitolo I di “Eros e Priapo”) del problema del male nella storia. E dice cose che, per un verso, eran già compresenti nelle prose o nelle poesie in prosa dell' autore di “Ossi di seppia” e delle “Occasioni”; e chee, per l' altro, saran ridette nei versi incisivi di “Satura” ( “La storia non è poi la devastante ruspa che si dice. / Lascia sottopassaggi, buche, nascondigli”). “Certi istorici non fanno computo bastevole del 'male': e del 'problema del male': parlano come se tutto andasse per il suo verso, come se non le fussero tutte le deviazioni infinite che conosciamo, i ritardi, i ritorni, i ponti rotti, i vicoli ciechi della storia” ( “Saggi Giornali e Favole”, II, p. 233 ).

Solo riassumendo ( ma la sintesi può ben valere come emblema ermeneutico in generale dell' “Occorrono troppe vite per farne una”, almeno a mio vedere ), e sempre nel 1950, il Gadda ci lascia un paradigma dei “Grandi uomini” ( “Saggi Giornali e Favole”, I, pp. 976-980: ripreso esattamente da“Variazioni sui grandi uomini”, nel “Popolo” del 23 novembre 1950, p. 5 ). Premesso che per Gadda “ancor oggi” esistono “grandi uomini”, “come il guardiano dello zoo si abitua al serpente che ha in custodia”, il poliedrico scrittore confuta il proverbio “Pas de grand'homme pour son valet de chambre”, affermando: “noi non siamo i valets de chambre di nessuno: e tuttavia, in pratica, la nostra pazienza e la nostra impazienza si esercitano in misura che oserei dire proverbiale nel confronto...de nos chers grands hommes. Noi assistiamo, infermieri a volta a volta pazienti, impazienti, ai nostri grandi malati: malati di quella strana e talora paurosa malattia che è appunto la loro grandezza. Alla vostra domanda rispondo: sì: i grandi uomini esistono anche oggi: solché, per una cagione di prospettiva, noi rimaniamo un po' incerti nel valutarne il calibro”.

Così, scavando a fondo, i grandi uomini sono visti nella anfrattuosità del loro vissuto profondo, anche nella opinabilità dei loro asserti e delle loro conquiste, nei punti deboli ( universali sì ma di speciosa costruzione ) della loro “fucina”. Per esempio. “Einstein ha avuto dei contraddittori: ma le contro-argomentazioni dei contraddittori non sono meno ardue, da decifrare, delle argomentazioni di Einstein. Chi è il grand'uomo, in tal caso ? Risponderei: quello che è assistito dallo spirito della verità. Ma questo spirito, questo venticello, da che parte soffia ? Quando due eroi di Omero se ne danno di santa ragione, qual'è, dei due, l'assistito da Minerva ? Io credo, un po' a naso, certo, nella grandezza di Einstein: il quale ha raccolto in sé il germe del dubbio ( sulla natura della luce o sulla realtà del tempo-spazio ) già contenuto nell'esperimento di Michelson, e per i laboriosi cammini dell'analisi, contrastato da mille preesistenti 'certezze', o sovvenuto da incerte indicazioni degli antesignani, si è avviato verso una nuova ipotesi, forse verso una nuova o almeno rinnovata conoscenza”.

In effetti, Einstein 'socraticamente' aveva affermato che sarebbe stato disposto ad abbandonare la sua teoria della relatività se questa fosse stata smentita dalla mancata curvatura verso il rosso; e le sue dottrine sull'impossibilità della “azione a distanza” vennero corrette dalle repliche di Bohr, dalla disuguaglianza di Bell, e dagli gli esperimenti di Aspect ( cfr. i miei “Ipotesi e problemi per una filosofia della natura”, Bari 1987; e “L'azione a distanza”, Fasano 1990 ). Pure, il momento cosmico-storico della visione einsteiniana è stabilito in Gadda dal riferimento agli esperimenti sulla luce di Michelson-Morley e, ancora prima, dal paragone galileiano nel “Dialogo dei massimi sistemi” circa la nave e il suo sistema di osservazione, quindi dalle trasformazioni di Lorentz che ne derivarono, prolegomeni alla teoria della relatività ristretta e generale. Quindi Gadda, consapevole di quante esperienze scientifiche e vitali sian ricomprese nell'orizzonte einsteiniano, si volge all'analisi dell'immenso edificio proustiano.

“Una pagina di Proust, un periodo di Proust, è molte volte un tentativo ( a mio giudizio riuscito ) di raccogliere nella contemporaneità mentale, cioè in un unico momento espressivo, una folla di immagini cospiranti, convergenti a significazione ricchissima: è un imbuto sagace, che permette a lui stesso, e dopo di lui al suo lettore, di bere in una lenta sorsata i mille rivoletti, i mille apporti dell'analisi. E' una nave soccorritrice che si carica di mille passeggeri, anziché di dieci”. Altra, personale metafora per dire: “Occorrono troppe vite per farne una”.

Poi Gadda si impegna in una comparazione tra Freud e Proust, intenzionata a rilevare però “gli ingorghi psichici”, meglio “ingorghi nevrotici della loro attività bio-psichica”. Epperò scrive: “Ammiro in Freud, condonatigli slittamenti inevitabili, ammiro in lui il Copernico dell'indagine psicologica, il novello Beccaria. In Proust ammiro il senso della relatività del punto di osservazione, cioè del costante riferimento di esso all'oggetto osservato: senso che è addirittura metodo e direi canone nella moderna 'fisica dei quanti'. In Proust è una doppia, una tripla, una decuplicata rappresentazione del personaggio e dell'evento: la quale impegna a nuova disciplina, a nuova ginnastica, la zona più propriamente gnoseologica delle nostre facoltà. IL personaggio si muove e muta nel tempo, col tempo, fino alla dissoluzione della sua stessa infermità, della sua pompa inutile, del suo peccato”.

“Sì. Nella vita dei grandi, a volte, è un che di scombinato, di doloroso, di fatalmente eccessivo, di erroneo, di particolarmente peccaminoso, che sembra costituire, appunto, il contrappeso biografico, il compenso ( negativo ) della loro purità operante, della loro vittoriosa iper-cognizione”. Lo scrittore, per parte sua epitomatore e riepilogatore delle “vite” dei grandi uomini, fa degli esempi. “Il Villon rissoso e ladruncolo, il Tasso che per gelosia poetica denuncia all'Inquisizione il compagno d'Università, il Cellini omicida dell'orefice Pompeo per bassa rivalità di mestiere, il Caravaggio fuggitivo blasfemo e violento, il Leopardi che esige sorbetti alle tre di notte dall'ospite Ranieri, dovettero necessariamente riuscir molesti alle lor vittime”.

Solo che, nella stagione del “sofisma” e dell'agire strategico”( direbbe Habermas ), “Un Napoleone moderno – aggiunge sarcasticamente il Gadda – non mollerà mai un calcio nel sedere al suo ministro degli esteri ( i.e.: Talleyrand ): tutt'al più lo liquiderà con un 'regolare' processo di alto tradimento, e con tutte le conseguenze che conseguono alla 'regolarità procedurale'. Il grand'uomo di oggi, ne' suoi momenti di umor nero, si limita a dubitare della grandezza del collega: il quale, per ricambiargli la finezza, dubita di lui con altrettanta convinzione”.

Così, l'accumulo di esperienze ( cognitive, letterarie, estetiche, scientifiche, etiche ) e la ricapitolazione di altri mondi vitali si tinge, in Gadda, del grigio colore e del sapore amaro della “rivalità” e del “Contendere”. Paradigmatica risulta, a questo proposito, la comparazione dell'amato Montale con l'altrettanto ammirato Ungaretti ( già notata in sede di commento al carteggio di Montale col Gadda ).

Ristoratrice, però, sempre la poesia, nella virtù dell'odierna grandezza. “Questo non è accaduto ( i.e.: 'il dubitare della grandezza di un collega' ) - conclude, perciò, Gadda - a Virgilio e ad Orazio: Orazio ha chiamato Virgilio 'dimidium animae meae', metà dell'anima mia: questo non accade a due poeti d'Italia ch'io ritengo, oggi, grandi, i due lucidi dioscuri nel cielo della poesia: per le ragioni che voi tutti sapete, veduto che li conoscete e li amate come me: Montale e Ungaretti: (li cito in ordine alfabetico). Ciascuno dei due ha attinto dalla profondità del suo spirito quella nota che ci accompagna e consola nell'ora disperata”.

In sintesi, di fronte al loro particolare 'problema', che è in alcuni casi un intreccio di problemi ( la povertà, le difficoltà pratiche causate dalla famiglia numerosa, nel Vico; la lotta ai totalitarismi e al clima sessantottesco per Vittorio Enzo Alfieri, Raffaello Franchini o Cinzio Violante; il primo conflitto mondiale e il fascismo paratisi innanzi a Carlo Emilio Gadda ), alcuni 'grandi' hanno chiamato a raccolta gli 'spiriti magni' che li hanno preceduti, nella loro originale individualità e in modi affatto diversi ricapitolando la memoria storica dell'umano. Epperò, comunque, la radice del problema ermeneutico posa sempre nella “profondità dello spirito”, “quella nota che ci accompagna e consola nell'ora disperata”.

 

 


Allegati:
Scarica questo file (01 - La dolcezza del vivere  libero.pdf)01 - La dolcezza del vivere libero.pdf[ ]88 kB
Scarica questo file (02 - Tiziano.pdf)02 - Tiziano.pdf[ ]30 kB
Scarica questo file (03 - Giordano Bruno.pdf)03 - Giordano Bruno.pdf[ ]31 kB
Scarica questo file (04 - Mario Pagano.pdf)04 - Mario Pagano.pdf[ ]15 kB
Scarica questo file (05 - Basilio Puoti.pdf)05 - Basilio Puoti.pdf[ ]25 kB
Scarica questo file (06 - La Bibbia laica di Benedetto Croce                              di Giuseppe Brescia.pdf)06 - La Bibbia laica di Benedetto Croce di Giuseppe Brescia.pdf[ ]55 kB
Scarica questo file (07 - Bassani.pdf)07 - Bassani.pdf[ ]55 kB
Scarica questo file (08 - Montale e Croce.pdf)08 - Montale e Croce.pdf[ ]35 kB
Scarica questo file (09 - Allegoria e poesia.pdf)09 - Allegoria e poesia.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (10 - L'estetica e la critica.pdf)10 - L'estetica e la critica.pdf[ ]29 kB
Scarica questo file (11 - Sulla dialettica e la Rivista.pdf)11 - Sulla dialettica e la Rivista.pdf[ ]26 kB
Scarica questo file (12 - A un grande filosofo.pdf)12 - A un grande filosofo.pdf[ ]22 kB
Scarica questo file (13 - La verità.pdf)13 - La verità.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (14 - Testimonianza Etica.pdf)14 - Testimonianza Etica.pdf[ ]17 kB
Scarica questo file (15 - Sulla  temporalità.pdf)15 - Sulla temporalità.pdf[ ]20 kB
Scarica questo file (16 - Secreti travasi.pdf)16 - Secreti travasi.pdf[ ]20 kB
Scarica questo file (17 - Delta e dialettica delle passioni.pdf)17 - Delta e dialettica delle passioni.pdf[ ]29 kB
Scarica questo file (18 - Nella tempesta della crisi.pdf)18 - Nella tempesta della crisi.pdf[ ]38 kB
Scarica questo file (19 - Le tristi condizioni   dell'animo.pdf)19 - Le tristi condizioni dell'animo.pdf[ ]27 kB
Scarica questo file (20 - Occorrono troppe vite per farne una...deduzioni...pdf)20 - Occorrono troppe vite per farne una...deduzioni...pdf[ ]87 kB
Scarica questo file (21 - Occorrono troppe vite per farne una.pdf)21 - Occorrono troppe vite per farne una.pdf[ ]53 kB
Scarica questo file (22 - L'illusione della dialettica.pdf)22 - L'illusione della dialettica.pdf[ ]62 kB
Scarica questo file (23 - Problema del passaggio.pdf)23 - Problema del passaggio.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (24 - Ancora per Montale e Parente.pdf)24 - Ancora per Montale e Parente.pdf[ ]42 kB
Scarica questo file (25 - Pilo Albertelli.pdf)25 - Pilo Albertelli.pdf[ ]36 kB
Scarica questo file (26 - Antonio Jannazzo.pdf)26 - Antonio Jannazzo.pdf[ ]44 kB
Scarica questo file (27 - Nuovi modi per la religione della  libertà.pdf)27 - Nuovi modi per la religione della libertà.pdf[ ]29 kB
Scarica questo file (28 - I principi costitutivi.pdf)28 - I principi costitutivi.pdf[ ]47 kB
Scarica questo file (29 - Note per il liberalismo.pdf)29 - Note per il liberalismo.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (30 - Il sogno.pdf)30 - Il sogno.pdf[ ]22 kB
Scarica questo file (31 - Terza forma di sogno.pdf)31 - Terza forma di sogno.pdf[ ]14 kB
Scarica questo file (32 - Hypnos Idea.pdf)32 - Hypnos Idea.pdf[ ]37 kB
Scarica questo file (33 - Aenigma.pdf)33 - Aenigma.pdf[ ]56 kB
Scarica questo file (34 - Decani.pdf)34 - Decani.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (35 - Fondamenti del diritto mite.pdf)35 - Fondamenti del diritto mite.pdf[ ]20 kB
Scarica questo file (36 - Messa da Requiem.pdf)36 - Messa da Requiem.pdf[ ]32 kB
Scarica questo file (37 - Metastasio e Mozart.pdf)37 - Metastasio e Mozart.pdf[ ]18 kB
Scarica questo file (38 - Mozart e la musica sacra.pdf)38 - Mozart e la musica sacra.pdf[ ]18 kB
Scarica questo file (39 - Don Giovanni.pdf)39 - Don Giovanni.pdf[ ]42 kB
Scarica questo file (40 - Flauto Magico.pdf)40 - Flauto Magico.pdf[ ]15 kB
Scarica questo file (41 - Filosofia della storia e svolta sistematica nella filosofia della rivelazione.pdf)41 - Filosofia della storia e svolta sistematica nella filosofia della rivelazione.pdf[ ]247 kB
Scarica questo file (42 - Leopardi remoto e puro.pdf)42 - Leopardi remoto e puro.pdf[ ]29 kB
Scarica questo file (43 - Francesco De Sanctis.pdf)43 - Francesco De Sanctis.pdf[ ]9 kB
Scarica questo file (44 - Quinet e l'Italia.pdf)44 - Quinet e l'Italia.pdf[ ]62 kB
Scarica questo file (45 - Croce e De Sarlo.pdf)45 - Croce e De Sarlo.pdf[ ]34 kB
Scarica questo file (46 - Morelli.pdf)46 - Morelli.pdf[ ]23 kB
Scarica questo file (47 - Max Ascoli.pdf)47 - Max Ascoli.pdf[ ]69 kB
Scarica questo file (48 - Hirscham e Colorni.pdf)48 - Hirscham e Colorni.pdf[ ]72 kB
Scarica questo file (49 - Max Ascoli A Worldly Philosopher of Freedom.pdf)49 - Max Ascoli A Worldly Philosopher of Freedom.pdf[ ]72 kB
Scarica questo file (50 - De hominis dignitate novissima Oratio.pdf)50 - De hominis dignitate novissima Oratio.pdf[ ]70 kB
Scarica questo file (51 - Alla ricerca dei modi categoriali....pdf)51 - Alla ricerca dei modi categoriali....pdf[ ]1195 kB
Scarica questo file (52 - Beniamino Vizzini - Per una discussione intorno al problema della libertà.pdf)52 - Beniamino Vizzini - Per una discussione intorno al problema della libertà.pdf[ ]118 kB
Scarica questo file (53 - Beniamino Vizzini - Il vivente originario.pdf)53 - Beniamino Vizzini - Il vivente originario.pdf[ ]112 kB
Scarica questo file (54 - Beniamino Vizzini  - Una lettura moderrna del concetto di Catarsi.pdf)54 - Beniamino Vizzini - Una lettura moderrna del concetto di Catarsi.pdf[ ]108 kB
Scarica questo file (55 - Beniamino Vizzini - Consilience.pdf)55 - Beniamino Vizzini - Consilience.pdf[ ]39 kB
Scarica questo file (56 - Beniamino Vizzini - Vita e dialettica nel pensiero di Pavel Florenskij e Giuseppe Brescia.pdf)56 - Beniamino Vizzini - Vita e dialettica nel pensiero di Pavel Florenskij e Giuseppe Brescia.pdf[ ]129 kB
Scarica questo file (57 - Idee ritrovate.pdf)57 - Idee ritrovate.pdf[ ]43 kB
Scarica questo file (58 -  Pietro Addante.pdf)58 - Pietro Addante.pdf[ ]251 kB
Scarica questo file (59 - Balzac.pdf)59 - Balzac.pdf[ ]27 kB
Scarica questo file (60 - Blasucci.pdf)60 - Blasucci.pdf[ ]483 kB
Scarica questo file (61 - Chen.pdf)61 - Chen.pdf[ ]18 kB
Scarica questo file (62 - Di Pasquale.pdf)62 - Di Pasquale.pdf[ ]21 kB
Scarica questo file (63 - In ricordo di Ernesta Battisti.pdf)63 - In ricordo di Ernesta Battisti.pdf[ ]17 kB
Scarica questo file (64 - Koestler.pdf)64 - Koestler.pdf[ ]33 kB
Scarica questo file (65 - Ragghianti.pdf)65 - Ragghianti.pdf[ ]64 kB
Scarica questo file (66 - Vittorio Enzo Alfieri.pdf)66 - Vittorio Enzo Alfieri.pdf[ ]31 kB
Scarica questo file (67 - Vito Amatulli  - Postfazione  ai contributi.pdf)67 - Vito Amatulli - Postfazione ai contributi.pdf[ ]60 kB
Scarica questo file (68 - Croce _l'uomo che piantava gli alberi.pdf)68 - Croce _l'uomo che piantava gli alberi.pdf[ ]29 kB

Albo on line

albo on line

 

LA BUONA SCUOLA

 

 

IL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

Animatore Digitale

prof.ssa V. DI GIULIO

Team Innovazione Digitale

proff. D.CASAMASSIMA - E.TERLIZZI - prof.ssa R.MANSI

 

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

 

ISTITUZIONE SCOLASTICA ACCREDITATA

TIROCINANTI LAUREA MAGISTRALE SCIENZE DELLA FORMAZIONE

TFA

CORSI  SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO

CORSI PERFEZIONAMENTO C.L.I.L.

DM. 249/2010 - DM 93/20/2012

autorizzazione U.S.R. Puglia

prot. 19737 del 6.11.16

PON 2014-2020 (FSE-FESR)

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ON LINE

Alternanza Scuola Lavoro

Garante per la protezione dati personali

P.A.Q. (pubblica amministrazione di qualità)

 

Provincia BAT

AVVISI

 

Andria, 23/01/2018
Avviso per ritiro Diplomi
Si  avvisano  coloro  i  quali  hanno  superato
l'Esame di Stato nell'anno scolastico 2016-2017 che    presso    la    segreteria    didattica    
sono
disponibili i Diplomi.

 

 

 
 

 

 

 
 
 
 
 
 
 

Statistiche

Visite agli articoli
1366136
Go to top