"ALLA RICERCA DEI MODI CATEGORIALI "
 
L'istante da Platone a noi
"Perché l'istante sembra indicare il punto dal quale un qualche cosa passa d'uno ad altro stato: perché non è dal riposo, in tanto che dura ancora, non è dal moto, in tanto che dura ancora, che qualche cosa muta, ma dall'istante, la cui natura straordinaria è di sedere da intermediario nell'intervallo tra il movimento e il riposo, senza che sia nel tempo; è proprio verso di questo stato e da questo stato che ciò che si muove passa al riposo, e ciò che è in riposo al moto!" (Platone, Parmenide, 156c).
 
"Lo sforzo di Platone è quello di cogliere l'atto della 'mentalizzazione' fuori di se stesso e di attribuire allo stato degli enti quello da cui lo stato stesso degli enti dipende" (Raffaello Franchini, Le origini della dialettica, Napoli 1976, pp. 37-38 e 183-224; Giuseppe Brescia, Tempo e libertà, Manduria 1984, pp. 252-254 de La teoria del tragico).
 
Immanuel Kant, Critica della ragion pura, 1781, Analitica dei principi. 3. Analogie dell'esperienza, Bari 1963, pp. 196-200 e 249: "Assiomi dell'intuizione" e "Anticipazioni della percezione" sono principi matematici, dal momento che "ci autorizzano ad applicare la matematica ai fenomeni" e "nell'uno come nell'altro caso possono essere usate le quantità numeriche e con esse la determinazione del fenomeno come quantità. Così, per esempio, con circa 200.000 illuminazioni lunari potrò comporre e dare determinato a priori, costruire, il grado delle sensazioni della luce solare. Quindi possiamo chiamare i primi due principi costitutivi. La cosa deve andare ben diversamente per quei principi destinati a ricondurre a priori a regole l'esistenza dei fenomeni. Poiché, infatti, questa esistenza non si può costruire, essi si riferiranno solo al rapporto dell'esistenza, e non possono essere altro che semplicemente regolativi" ("Analogie dell'esperienza", pp. 195-228; e "Postulati del pensiero empirico in generale", pp. 228-243). Che sono poi le tre "Analogie", analitiche delle forme ideali del tempo (successione-simultaneità-permanenza). "Nella matematica (si può anche dire)", vi sono "formule che esprimono l'uguaglianza di due rapporti quantitativi, e sono costitutive". "Nella filosofia, invece, l'analogia è l'uguaglianza di due rapporti non quantitativi ma qualitativi" (p. 198). Perciò, Cap. III, pp. 248-249: "I principi dell'intelletto puro, siano essi costitutivi a priori (come i matematici) o semplicemente regolativi (come i dinamici) non contengono invero se non quasi lo schema puro per l'esperienza possibile" (Della distinzione di tutti gli oggetti in generale in fenomeni e noumeni).
 
Immanuel Kant, Critica del giudizio, paragrafo 24: "Secondo la quantità, il sublime è matematico; secondo la relazione e il movimento, è dinamico" (UL Bari 1971, pp. 94-95).
 
Immanuel Kant, Critica del giudizio, paragrafo 29 (II sublime come "Piacere negativo", p. 112); paragrafo 23 (come "Analitica del sublime", p. 93).
 
Tentativo per introdurre nella filosofia il concetto delle quantità negative (1763) in Scritti precritici, Bari 1953, p. 263, a proposito di opposizione reale e negazione logica: "Una forza che imprime un moto ad un corpo in una direzione ed una forza uguale in direzione contraria non si contraddicono e sono possibili come predicati di un solo corpo"; pp. 268-269: "Entrambi i predicati sono positivi ma in modo tale che nella unione nello stesso soggetto le conseguenze si annullano reciprocamente"; e pp. 270-276 per la analisi della quantità che trapassa fra mali di privazione e mali di assenza, esempio di "Mensura" del rapporto.
 
 
SENTIMENTO DI PIACERE E DISPIACERE E "DILETTO" LEGATO A UN INTERESSE
 
Notevolmente, nei § 3 della Critica dei Giudizio, Kant distingue "Piacevole è ciò che piace ai sensi nella sensazione(..) Perché non si tratterebbe se non del piacevole, che è nella sensazione del nostro stato; e poiché infine ogni uso delle nostre facoltà deve tendere ai pratico ed unirvisi come a un suo scopo, non si potrebbe pretendere dalle facoltà stesse alcun apprezzamento delle cose e dei loro valore, oltre quello che consiste nel dialetto che esse promettono. (..) Quando si chiama sensazione una determinazione del sentimento di piacere o dispiacere, la parola ha un significato dei tutto diverso da quando viene adoperata ad esprimere la rappresentazione di una cosa (mediante i sensi, in quanto ricettività inerente la facoltà di conoscere).Perché in quest'ultimo caso la rappresentazione è riferita all'oggetto, mentre nel primo è riferita unicamente al soggetto, e non serve ad alcuna conoscenza: nemmeno a quella con cui il soggetto conosce se stesso".
 
Dunque, il sentimento di piacere non è il mero diletto, che "piace nella sensazione", unilaterale "diletto": è di più, "sentimento di piacere e dispiacere", "dialettica delle passioni" (anche se Kant non adotta né valuta siffatta espressione, frutto evidente dell'ermeneutica filosofica e dell'estetica, suo presupposto, della nostra modernità. Inoltre (§ 4), il sentimento di piacere non è legato all'esistenza dell'oggetto, e quindi al prendervi interesse, né mercé l'utile né mercé il buono. Non è mero "diletto", perché tale definizione implica e significa la immediatezza e la unilateralità del "piacere nel piacevole". Il sentimento di piacere non si pone la domanda circa l'esistenza dell'oggetto. Dunque, nei vari casi spiegati da Kant, ciò che distingue il "piacevole" dal "sentimento di piacere e dispiacere" è la unilateralità del primo rispetto alla complessività del secondo.
 
 
"TERMINE MEDIO TRA LA FACOLTÁ DEL CONOSCERE E LA FACOLTÁ DEL DESIDERARE"
 
Immanuel Kant, Critica del giudizio. Einleitung 1790 (UL, Bari 1971): "Ora, se il Giudizio, che nell'ordine delle nostre Facoltà di conoscere fa come da termine medio tra l'intelletto e la ragione, abbia anche per se stesso principii a priori; se questi principii siano costitutivi o semplicemente regolativi (..); e se il Giudizio dia a priori la regola al sentimento di piacere o dispiacere, come al termine medio (mittelglied) tra la facoltà del conoscere e la facoltà di desiderare ( proprio come l'intelletto prescrive leggi a priori alla prima, e la ragione alla seconda ); ecco ciò di cui si occupa la presente critica del Giudizio". Critica del giudizio § 59, Della bellezza come simbolo della moralità (Von der Schoenheit als Symbol der Sittlichkeit, pp. 215-218): "L'osservazione di questa analogia è familiare anche al senso comune; e chiamiamo spesso gli oggetti belli della natura o dell'arte con termini che sembrano avere per principio un giudizio morale. Diciamo maestosi e magnifici degli edifici e degli alberi, ridenti e gai i campi; anche i colori li chiamiamo innocenti modesti e teneri, perché eccitano sensazioni, le quali hanno qualche cosa di analogo con la coscienza di uno stato d'animo prodotto da giudizi morali. Il gusto rende così possibile il passaggio, senza un salto troppo brusco, dall'attrattiva dei sensi all'interesse morale abituale, rappresentando l'immaginazione anche nella sua libertà come capace di essere determinata in modo da accordarsi con l'intelletto, e insegnando a trovare perfino negli oggetti dei sensi, anche senza attrazione sensibile, un libero piacere" ("Wir nemen Gebaude oder Baume maiestatish und prachtig, oder Gefilde lachend und froelich; selbst Farben werden unschuldig, bescheiden, zaertlich gennant, weil sie Empfindungen erregen, die etwas mit dem Bewusstsein eines durch moralische Urteile bewirkten Gemutsz ustandes Analogisches enthalten. Der Geschmack macht gleichsam den Uebergand, ohne einem zu gewaltsamen Sprung, vom Sinnenreiz zum habituellen moralischen Interesse").
 
Friedrich Wilhelm Joseph Schelling, Filosofia della rivelazione 1840: "Potenza di essere" tra "Potenza" e "Atto".
 
Benedetto Croce 1938 – 1952: "Moralità" (Storia come pensiero e azione, cap. IX) e "Vitalità" (indagini su Hegel). Poi: "Sentimento" e "Tempo" (questioni dello storicismo 1, 1980, pp. 72-73 e 90-91).
 
Hans Georg Gadamer, Verità e metodo, 1960: L'importanza della ermeneutica per la comunicazione dei valori, la trasmissione più che sostanzialità dei contenuti.
 
Teoria dei colori: teoria del giallo, colore di per sè; e sintesi dei colori rosso e verde; ancora, sintesi con il rosso (marrone), con il verde (oro), con il violetto (argento): Newton 1690-1702; Goethe 1810; Kandinskj 1912; Paul Klee 1920.
Posizione e velocità delle particelle (Heisenberg); alternativa onda-corpuscolo (Schroedinger).
 
Relazioni tra mondo uno, due e tre in età infantile e in età adulta (Popper – Eccles 1975); Relazioni sinapsineuroni; "Nerve Growth Factor" (Rita Levi Montalcini); Ruolo della dopamina nel riequilibrio delle forme del vissuto; relazione tra Rb (Retinoblastoma) e Id2 (inibitone della differenziazione cellulare): lacovone – Lasorella.
 
 

"CORRISPONDENZE" E "RELAZIONI"

Charles Baudelaire, Corrispondenze ("Correspondances"), da Les Fleurs du mal (1857):

"E' la Natura un tempio dove a volte viventi / colonne oscuri murmuri si lasciano sfuggire:

Tu, smarrito entro selve di simboli, seguire / da mille familiari segretiocchi ti senti.

Come echi lontani e lunghi, che un profondo / e misterioso accordo all'unisono induce,

Coro grandioso come la tenebra e la luce, / suoni, colori e odori l'un l'altro si rispondono.

Conosco odori freschi come parvole gote, / teneri come òboi, verdicome giardini;

Altri, corrotti e ricchi, attingono remote / espansioni, al di là degli umani confini.

E sono il benzoino, l'ambra, il muschio, l'incenso, / che cantanole estasi dell'anima e del senso"

Invero: "La Nature est un tempie où de vivants piliers / laissent parfois sortir de confuses paroles;

L'homme y passé à travers des forets de symbols / qui l'observent avec des regards familiers.

Comme de longs échos qui de loin se confondent / dans une ténébreuse et profonde unité,

Vaste comme la nuit et comme la clarté, / les parfums, les couleurs et les sons se répondent.

Il est des parfums frais comme de chairs d'enfants, / doux comme les hautbois, verts comme les prairies,

-Et d'autres, corrompus, riches et triomphantes, / ayant l'expansion des choses infinies,

Comme l'ambre, le musc, le benjoin et l'encens, /qui chantent lestransports de l'esprit et des sens"

Ezra Pound – Ernst Fenollosa, L'ideogramma cinese come mezzo di poesia (Scheiwiller, 1960):

"Le relazioni sono più autentiche e importanti delle cose poste in relazione"

"Rapida percezione delle relazioni – segno distintivo del genio"

Thomas Stearns Eliot: Ezra Pound, "il miglior fabbro" e Ulysses"ordine e mito" (1922)

James Joyce, Ulysses (1922) e Finnegans Wake (1939).

Giosuè Carducci, esemplarmente a cavaliere tra parnassianesimo e sinestesie, nelle Odi barbare e Rime e ritmi: il "divino del pian silenzio verde;

"Tra i verdi cupi roseo brillò "(Davanti a San Guido per "il dì cadente con un ghigno pio")

 
 
DELL'ETICO-TEOLOGIA E SUL FONDAMENTO MORALE DELLA LIBERITÁ
 
Nella Appendice alla Critica del Giudizio teleologico (§ 85) Kant spiega che, se la contemplazione è giudizio riflettente o di gusto, e, come tale, disinteressata ed universale, non può esser legata che ad uno scopo in essa rappresentato: "Giacché se questa contemplazione del mondo non gli rappresenta altro che cose senza uno scopo finale, la loro esistenza pel solo fatto che esse sono conosciute, non acquista alcun valore; e si deve prima supporre in esse uno scopo finale, rispetto a cui la contemplazione stessa del mondo abbia un valore. Non è neppure il sentimento di piacere e della somma di piaceri, vale a dire non è il benessere, il godimento (sia corporale o spirituale), la felicità in una parola, il criterio con cui stabiliamo quell'assoluto valore. Perché dal fatto che l'uomo, esistendo, fa della felicità il suo scopo finale, non risulta alcun concetto del fine per cui egli esista in generale e che valore egli abbia, per meritare che gli si renda piacevole la sua esistenza. Bisogna, dunque, che egli sia già presupposto come scopo finale della creazione, perché si abbia un fondamento razionale per ritenere che la natura debba accordarsi con la sua felicità, quando la si consideri secondo i principii dei fini come un tutto assoluto. – Sicché soltanto la facoltà di desiderare, non quella che rende l'uomo dipendente dalla natura (mediante impulsi sensibili) e rispetto a cui il valore della sua esistenza riposa su ciò che egli subisce e gode, ma il valore che solo egli può dare a se stesso, e che consiste in ciò che egli fa, nel modo e nei principii delle sue azioni, non in quanto membro della natura umana, ma nella libertà della sua facoltà di desiderare: una buona volontà, ecco dunque la sola cosa che può dare alla sua esistenza un valore assoluto, e rispetto al quale l'esistenza del mondo può avere uno scopo finale. Anche il giudizio più comune degli uomini di buon senso per poco che sia richiamato su tale questione e sia lasciato a riflettervi, si accorda perfettamente nel ritenere che l'uomo può essere uno scopo finale della creazione solo in quanto essere morale. A che giova – si dirà – che quest'uomo abbia tanto talento, e sia pure tanto attivo con esso, eserciti perciò un utile influsso sulla comunità, ed abbia un grande valore rispetto ai propri interessi e all'utile degli altri, se egli non possiede una buona volontà ? (..) Considerate un uomo nel momento in cui il suo animo è disposto ai sentimento morale. Se circondato da una bella natura, egli si sente in un godimento calmo e sereno della propria esistenza, sentirà anche in sé un bisogno di esserne riconoscente a qualcuno.£ inutile architettare motivi dietro tali sentimenti; perché essi sono legati immediatamente con le più pure intenzioni morali, giacché la riconoscenza, l'obbedienza e l'umiltà sono particolari disposizioni dell'animo al dovere, e l'animo che è inclinato ad estendere la sua disposizione morale, qui non fa altro che pensare volontariamente un oggetto, che non esiste nel mondo, per compiere il suo dovere anche verso di esso, quando sia possibile".
 
Nel cap. IX della Storia come pensiero e come azione del 1938, Croce dirà: Il fine della morale è di promuovere la vita. 'Viva chi vita crea!' cantava Wolfgang Goethe. -Ma la vita promuovono tutte le forme dell'attività spirituale con le opere loro, opere di verità, opere di bellezza, opere di pratica utilità. Per esse si contempla e si comprende la realtà, e la terra si copre di campi coltivati e d'industrie, si formano le famiglie, si fondano gli stati, si combatte e si sparge il sangue, si vince e si progredisce. E che cosa mai aggiunge a queste opere belle, vere e variamente utili la moralità? Si dirà: le opere buone. Ma le opere buone, in concreto, non possono essere se non opere di bellezza, di verità e di utilità. E la moralità stessa, per attuarsi praticamente, si fa passione e volontà e utilità, e pensa col filosofo, e plasma con l'artista, e lavora con l'agricoltore e con l'operaio, e genera figli ed esercita politica e guerra, e adopera il braccio e la spada".
 
 
POESIA E LETTERATURA DA KANT A CROCE
 
Immanuel Kant, Critica del Giudizio al § 49 della Parte prima, Deduzione dei giudizi, a proposito delle "facoltà dell'animo, che costituiscono il genio", già vedeva: "Una poesia può essere molto garbata ed elegante, ma è senz' anima. Una storia è esatta e ordinata, ma senz'anima. Un discorso solenne è solido e ornato insieme, ma senz'anima. Molte conversazioni non sono senza interesse, ma senz'anima; perfino d'una donna si dice che è bella, affabile e graziosa, ma senz'anima. Che cosa si vuol dunque intendere con la parola anima? Anima nel significato estetico è il principio vivificante dell'animo. Ma ciò con cui questo principio vivifica l'anima, la materia di cui si serve, è ciò che dà uno slancio armonico alle facoltà dell'animo, e le pone in un giuoco che si alimenta da sé e fortifica le facoltà stesse da cui risulta".
 
Nel Breviario di estetica del 1912, il Croce argomenterà a proposito della "intuizione artistica come sintesi di rappresentazione e sentimento": "La intuizione è veramente artistica, è veramente intuizione, e non caotico ammasso d'immagini, solo quando ha un principio vitale che l'animi, facendo tutt'uno con lei; ma qual è questo principio? La risposta a tale interrogazione si può dire che venga fuori, come risultato, dall'esame di quello che è il maggior contrasto di tendenze che si sia mai avuto nel campo dell'arte (e che non appare solamente nell'epoca che da esso prese nome e nella quale fu predominante): il contrasto tra romanticismo e classicismo... Codeste esperienze e codesti giudizi critici si possono compendiare teoreticamente nella formula: che ciò che dà coerenza e unità all'intuizione è il sentimento: l'intuizione è veramente tale perché rappresenta un sentimento, e solo da esso e sopra di esso può sorgere. Non l'idea, ma il sentimento è quel che conferisce all'arte l'aerea leggerezza del simbolo: un'aspirazione chiusa nel giro di una rappresentazione, ecco l'arte; e in essa l'aspirazione sta solo per la rappresentazione, e la rappresentazione solo per l'aspirazione. L'intuizione artistica è, dunque, sempre intuizione lirica: parola, quest'ultima, che non sta come aggettivo o determinazione della prima, ma come sinonimo".
 
Lo stesso Kant nel § 83 della sua Appendice, per rafforzare la tesi della "tendenza finalistica nella natura", aggiunge l'esempio della letteratura: "Le belle arti e le scienze, che col loro piacere comunicabile universalmente, e con l'urbanità e il raffinamento che portano nella società, se non fanno l'uomo moralmente migliore, lo rendono costumato, sottraggono molto alla tirannia delle tendenze fisiche e preparano perciò l'uomo alla signoria assoluta della ragione, mentre i mali di cui ci affligge in parte la natura, in parte l'intollerabile egoismo degli uomini, chiamano a raccolta le forze dell'anima, le elevano, le temprano, perché non soggiacciono a quelli, e ci fanno sentire così un'attitudine per fini più alti, la quale si trova nascosta in noi".
 
La "urbanità" o la "asteia", il carattere "costumato" della letteratura come "mediatrice" tra le varie altre forme di espressione (la poetica, la effusiva, la prosastica e la oratoria), la "chiamata a raccolta" delle forze dell'anima come indizio di "dialettica delle passioni" e momento del "passaggio" tra le categorie, sono tutti concetti-forza della estetica matura di Croce, e, per essa, della riforma della logica in quanto "alta etica".
 
 
"SENTIMENTO DI PIACERE E DISPIACERE" E "SENSO VITALE"
 
Nella Introduzione del 1790 a Critica del Giudizio, schematizza la propria sintesi Kant:
Facoltà dell'animo
Facoltà di conoscere
Sentimento di piacere e dispiacere
Facoltà di desiderare
Facoltà di conoscere Giudizi a priori Applicazione alla
Intelletto Conformità a leggi Natura
Giudizio Finalità Arte
Ragione Scopo finale Libertà
 
Poi, in nota spiega il tema e la genesi del ritmo ternario (certo non negando la deduzione quaternaria delle Categorie per Quantità, Qualità, Modalità e Relazione, strutturata in Critica della Ragion Pura ):
 
"Si è trovato sospetto che, quasi sempre, le mie divisioni nella filosofia pura riescono triadiche. Ma ciò è nella natura stessa della cosa. Se una divisione dev'esser fatta a priori, o sarà analitica secondo il principio di contraddizione, e allora è sempre in due parti (quodlíbet ens est aut A aut non A ); o sarà sintetica, e, se in tal caso deve esser derivata da concetti a priori (non, come in matematica, dall'intuizione corrispondente a priori al concetto), essa, - secondo ciò che è richiesto dall'unità sintetica in generale, cioè: 1° la condizione, 2° un condizionato, 3° il concetto che nasce necessariamente dall'unione della condizione col condizionato, - dovrà essere necessariamente una tricotomia".
 
In Analitica del bello: "ll rappresentarsi con la facoltà conoscitiva un edifizio regolare ed appropriato al suo scopo, è una cosa del tutto diversa dall'esser cosciente di questa rappresentazione col sentimento di piacere. In quest'ultimo caso la rappresentazione è riferita interamente al soggetto, e, veramente al senso vitale, sotto il nome di piacere e dispiacere "la qual cosa dà luogo ad una facoltà interamente distinta di discernere e giudicare.." (§ 1). Allora, si può dedurre che il "senso vitale", che non è la facoltà pratica del desiderare, ma "sentimento di piacere e dispiacere", è "disinteressato".
 
 
"IL VIVENTE ORIGINARIO"
 
Ordiniamo, in maniera non "rapsodica", ma con "prova sinfonica", le serie:
 
 
Passato Presente Avvenire (F. W. J. Schelling, Età del mondo)
     
Descrizione Rappresentazione Profezia eAnticipazione
     
Conoscenza Intuizione Volontà (P. Carabellese, Critica del concreto)
     
Storia come penensiero Colpo d'occhio Storia come azione (B. Croce, Filosofia della pratica)
     
Essenza Potenza di essere Esistenza(F.W.J. Schelling, Filosofia della rivelazione)
     
Successione Simultaneità Permanenza (I. Kant, Analitica trascendentale)
     
"Che cosa è" Rallentamento del tempo "Come si attua una cosa" (Bruno)
  "Creazione"  
     
     
  "Maggior conseguenza del tempo" (Analitica dei principi)
     
  "Dialettica delle passioni"

 

(Ermeneutica-Estetica)

     
 
 
In funzione mediana, i due momenti – forme "Interpolati" da Croce ("Colpo d'occhio"), o dallo Schelling ("Potenza di essere") costituiscono compagine tra di loro, così rendendo la "forma" (giudizio percettivo o teoria della previsione), correlativa alla "virtualità" dell'essere (potenza di essere); come dire, adempimento e prefigurazione; l'oggetto di ritensione e di protensione; la categoria e la sua Ursprung; in definitiva, la sintesi del "Vivente originario".
 
 
In funzione mediana, opera il presente come il platonico "Attimo", l'istante assiso tra mobilità e quiete; ovvero il presente come la "Simultaneità maggior conseguenza del tempo" (Kant); l'eterno presente del "Rallentamento del tempo", che insiste nel battito della creazione (Schelling) o nei processi della biochimica, a tutela della creazione (Luc Montagnier); ovvero, ancora, il presente disteso nella "Dialettica delle passioni", come esplicato nella fenomenologia della esperienza artistica e del suo "Giudizio".
 
 
Esempi emblematici: La cicatrice di Ulisse (Odissea, XIX); Il concetto di "catarsi" tragica (Aristotele, Poetica); Il "Climax" e "Anticlimax" (Shakespeare); Il "momento culminante" nell'arte del Caravaggio; Il sacrificio di Isacco (Momenti e fasi in Kierkegaard, Aut – Aut); La "epifania" in Joyce; La "intermittenza del cuore" in Proust; L'addio tra Bloom e Telemaco in Ulysses, L'abbraccio tra padre e figlio nel Giardino di Bassani; La carezza della madre in Noi credevamo di Anna Banti; la A-letheia in Heidegger e Montale; li concetto di Aura in Walter Benjamin; Il Clic della interpretazione sempre nuova della poesia secondo Mario Fubini. E tant'altro ancora.
 

Allegati:
Scarica questo file (01 - La dolcezza del vivere  libero.pdf)01 - La dolcezza del vivere libero.pdf[ ]88 kB
Scarica questo file (02 - Tiziano.pdf)02 - Tiziano.pdf[ ]30 kB
Scarica questo file (03 - Giordano Bruno.pdf)03 - Giordano Bruno.pdf[ ]31 kB
Scarica questo file (04 - Mario Pagano.pdf)04 - Mario Pagano.pdf[ ]15 kB
Scarica questo file (05 - Basilio Puoti.pdf)05 - Basilio Puoti.pdf[ ]25 kB
Scarica questo file (06 - La Bibbia laica di Benedetto Croce                              di Giuseppe Brescia.pdf)06 - La Bibbia laica di Benedetto Croce di Giuseppe Brescia.pdf[ ]55 kB
Scarica questo file (07 - Bassani.pdf)07 - Bassani.pdf[ ]55 kB
Scarica questo file (08 - Montale e Croce.pdf)08 - Montale e Croce.pdf[ ]35 kB
Scarica questo file (09 - Allegoria e poesia.pdf)09 - Allegoria e poesia.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (10 - L'estetica e la critica.pdf)10 - L'estetica e la critica.pdf[ ]29 kB
Scarica questo file (11 - Sulla dialettica e la Rivista.pdf)11 - Sulla dialettica e la Rivista.pdf[ ]26 kB
Scarica questo file (12 - A un grande filosofo.pdf)12 - A un grande filosofo.pdf[ ]22 kB
Scarica questo file (13 - La verità.pdf)13 - La verità.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (14 - Testimonianza Etica.pdf)14 - Testimonianza Etica.pdf[ ]17 kB
Scarica questo file (15 - Sulla  temporalità.pdf)15 - Sulla temporalità.pdf[ ]20 kB
Scarica questo file (16 - Secreti travasi.pdf)16 - Secreti travasi.pdf[ ]20 kB
Scarica questo file (17 - Delta e dialettica delle passioni.pdf)17 - Delta e dialettica delle passioni.pdf[ ]29 kB
Scarica questo file (18 - Nella tempesta della crisi.pdf)18 - Nella tempesta della crisi.pdf[ ]38 kB
Scarica questo file (19 - Le tristi condizioni   dell'animo.pdf)19 - Le tristi condizioni dell'animo.pdf[ ]27 kB
Scarica questo file (20 - Occorrono troppe vite per farne una...deduzioni...pdf)20 - Occorrono troppe vite per farne una...deduzioni...pdf[ ]87 kB
Scarica questo file (21 - Occorrono troppe vite per farne una.pdf)21 - Occorrono troppe vite per farne una.pdf[ ]53 kB
Scarica questo file (22 - L'illusione della dialettica.pdf)22 - L'illusione della dialettica.pdf[ ]62 kB
Scarica questo file (23 - Problema del passaggio.pdf)23 - Problema del passaggio.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (24 - Ancora per Montale e Parente.pdf)24 - Ancora per Montale e Parente.pdf[ ]42 kB
Scarica questo file (25 - Pilo Albertelli.pdf)25 - Pilo Albertelli.pdf[ ]36 kB
Scarica questo file (26 - Antonio Jannazzo.pdf)26 - Antonio Jannazzo.pdf[ ]44 kB
Scarica questo file (27 - Nuovi modi per la religione della  libertà.pdf)27 - Nuovi modi per la religione della libertà.pdf[ ]29 kB
Scarica questo file (28 - I principi costitutivi.pdf)28 - I principi costitutivi.pdf[ ]47 kB
Scarica questo file (29 - Note per il liberalismo.pdf)29 - Note per il liberalismo.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (30 - Il sogno.pdf)30 - Il sogno.pdf[ ]22 kB
Scarica questo file (31 - Terza forma di sogno.pdf)31 - Terza forma di sogno.pdf[ ]14 kB
Scarica questo file (32 - Hypnos Idea.pdf)32 - Hypnos Idea.pdf[ ]37 kB
Scarica questo file (33 - Aenigma.pdf)33 - Aenigma.pdf[ ]56 kB
Scarica questo file (34 - Decani.pdf)34 - Decani.pdf[ ]19 kB
Scarica questo file (35 - Fondamenti del diritto mite.pdf)35 - Fondamenti del diritto mite.pdf[ ]20 kB
Scarica questo file (36 - Messa da Requiem.pdf)36 - Messa da Requiem.pdf[ ]32 kB
Scarica questo file (37 - Metastasio e Mozart.pdf)37 - Metastasio e Mozart.pdf[ ]18 kB
Scarica questo file (38 - Mozart e la musica sacra.pdf)38 - Mozart e la musica sacra.pdf[ ]18 kB
Scarica questo file (39 - Don Giovanni.pdf)39 - Don Giovanni.pdf[ ]42 kB
Scarica questo file (40 - Flauto Magico.pdf)40 - Flauto Magico.pdf[ ]15 kB
Scarica questo file (41 - Filosofia della storia e svolta sistematica nella filosofia della rivelazione.pdf)41 - Filosofia della storia e svolta sistematica nella filosofia della rivelazione.pdf[ ]247 kB
Scarica questo file (42 - Leopardi remoto e puro.pdf)42 - Leopardi remoto e puro.pdf[ ]29 kB
Scarica questo file (43 - Francesco De Sanctis.pdf)43 - Francesco De Sanctis.pdf[ ]9 kB
Scarica questo file (44 - Quinet e l'Italia.pdf)44 - Quinet e l'Italia.pdf[ ]62 kB
Scarica questo file (45 - Croce e De Sarlo.pdf)45 - Croce e De Sarlo.pdf[ ]34 kB
Scarica questo file (46 - Morelli.pdf)46 - Morelli.pdf[ ]23 kB
Scarica questo file (47 - Max Ascoli.pdf)47 - Max Ascoli.pdf[ ]69 kB
Scarica questo file (48 - Hirscham e Colorni.pdf)48 - Hirscham e Colorni.pdf[ ]72 kB
Scarica questo file (49 - Max Ascoli A Worldly Philosopher of Freedom.pdf)49 - Max Ascoli A Worldly Philosopher of Freedom.pdf[ ]72 kB
Scarica questo file (50 - De hominis dignitate novissima Oratio.pdf)50 - De hominis dignitate novissima Oratio.pdf[ ]70 kB
Scarica questo file (51 - Alla ricerca dei modi categoriali....pdf)51 - Alla ricerca dei modi categoriali....pdf[ ]1195 kB
Scarica questo file (52 - Beniamino Vizzini - Per una discussione intorno al problema della libertà.pdf)52 - Beniamino Vizzini - Per una discussione intorno al problema della libertà.pdf[ ]118 kB
Scarica questo file (53 - Beniamino Vizzini - Il vivente originario.pdf)53 - Beniamino Vizzini - Il vivente originario.pdf[ ]112 kB
Scarica questo file (54 - Beniamino Vizzini  - Una lettura moderrna del concetto di Catarsi.pdf)54 - Beniamino Vizzini - Una lettura moderrna del concetto di Catarsi.pdf[ ]108 kB
Scarica questo file (55 - Beniamino Vizzini - Consilience.pdf)55 - Beniamino Vizzini - Consilience.pdf[ ]39 kB
Scarica questo file (56 - Beniamino Vizzini - Vita e dialettica nel pensiero di Pavel Florenskij e Giuseppe Brescia.pdf)56 - Beniamino Vizzini - Vita e dialettica nel pensiero di Pavel Florenskij e Giuseppe Brescia.pdf[ ]129 kB
Scarica questo file (57 - Idee ritrovate.pdf)57 - Idee ritrovate.pdf[ ]43 kB
Scarica questo file (58 -  Pietro Addante.pdf)58 - Pietro Addante.pdf[ ]251 kB
Scarica questo file (59 - Balzac.pdf)59 - Balzac.pdf[ ]27 kB
Scarica questo file (60 - Blasucci.pdf)60 - Blasucci.pdf[ ]483 kB
Scarica questo file (61 - Chen.pdf)61 - Chen.pdf[ ]18 kB
Scarica questo file (62 - Di Pasquale.pdf)62 - Di Pasquale.pdf[ ]21 kB
Scarica questo file (63 - In ricordo di Ernesta Battisti.pdf)63 - In ricordo di Ernesta Battisti.pdf[ ]17 kB
Scarica questo file (64 - Koestler.pdf)64 - Koestler.pdf[ ]33 kB
Scarica questo file (65 - Ragghianti.pdf)65 - Ragghianti.pdf[ ]64 kB
Scarica questo file (66 - Vittorio Enzo Alfieri.pdf)66 - Vittorio Enzo Alfieri.pdf[ ]31 kB
Scarica questo file (67 - Vito Amatulli  - Postfazione  ai contributi.pdf)67 - Vito Amatulli - Postfazione ai contributi.pdf[ ]60 kB
Scarica questo file (68 - Croce _l'uomo che piantava gli alberi.pdf)68 - Croce _l'uomo che piantava gli alberi.pdf[ ]29 kB

Albo on line

albo on line

 

LA BUONA SCUOLA

 

 

IL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

Animatore Digitale

prof.ssa V. DI GIULIO

Team Innovazione Digitale

proff. D.CASAMASSIMA - E.TERLIZZI - prof.ssa R.MANSI

 

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

 

ISTITUZIONE SCOLASTICA ACCREDITATA

TIROCINANTI LAUREA MAGISTRALE SCIENZE DELLA FORMAZIONE

TFA

CORSI  SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO

CORSI PERFEZIONAMENTO C.L.I.L.

DM. 249/2010 - DM 93/20/2012

autorizzazione U.S.R. Puglia

prot. 19737 del 6.11.16

PON 2014-2020 (FSE-FESR)

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ON LINE

Alternanza Scuola Lavoro

Garante per la protezione dati personali

P.A.Q. (pubblica amministrazione di qualità)

 

Provincia BAT

AVVISI

 

Andria, 23/01/2018
Avviso per ritiro Diplomi
Si  avvisano  coloro  i  quali  hanno  superato
l'Esame di Stato nell'anno scolastico 2016-2017 che    presso    la    segreteria    didattica    
sono
disponibili i Diplomi.

 

 

 
 

 

 

 
 
 
 
 
 
 

Statistiche

Visite agli articoli
1366136
Go to top